Scopri il racconto turistico di Terradamare. Tutti i week end: itinerari, passeggiate a Ballarò, panorami, visite ai monumenti di Palermo, tour scolastici, tramonti, degustazioni nelle cantine storiche, aperture straordinarie, gite in Sicilia e tanta altra bellezza

Le Catacombe dei Cappuccini di Palermo

ℹ️  Terradamare organizza le visite alle Catacombe dei Cappuccini durante aperture straordinarie (serali o domenicali)
È possibile riceverne promemoria via email iscrivendosi alla newsletter settimanale QUI, o consultare le prossime date nell’articolo: VISITA GUIDATA ALLE CATACOMBE DEI CAPPUCCINI
Inoltre, se vuoi organizzare una visita per gruppi privati, contattaci QUI

 

Il convento dei Cappuccini fu costruito nel 1534 circa, alla fine del XVI secolo la comunità creò un ipogeo, scavando un cimitero di gallerie sotterranee di forma rettangolare e dando vita a questo particolarissimo tipo di sepoltura che inizialmente fu riservato solo ai religiosi. Il primo frate mummificato e ad essere esposto fu Silvestri Gubbio, morto il 16 Ottobre 1599.

Successivamente, la cripta viene ampliata per far posto alle costanti richieste e, assumendo, così, le attuali dimensioni, divenendo luogo emblematico e significativo per l’inumazione per la classe clericale, nobili e cittadini di alto status sociale e  a tutti coloro che fossero in grado di permettersi i costi delle pratiche di imbalsamazione.

La città dei morti. Visita guidata alle Catacombe dei Cappuccini palermo

Nella città dei morti, possiamo incontrare due soldati dell’esercito borbonico, con le loro uniformi della metà dell’ottocento o donne con i loro abiti dell’epoca, cuffie, vestiti ricamati, scarpe, gonne variopinte e di diverse fattezze. C’è la cappella dei bambini e il corridoio delle famiglie, il corridoio dei professionisti in cui riposano pittori e persino uomini di teatro, personaggi divenuti noti come Antonio Prestigiacomo, che secondo la leggenda, chiese di avere l’applicazione delle protesi agli occhi per continuare a poter guardare le belle donne che gli venivano a far visita anche da morto.

In una piccola teca, è presente Rosalia Lombardo, definita la mummia più bella del mondo, morta di polmonite all’età di due anni e posta nella Catacombe nel 1920. Il padre, devastato dal dolore, affidò il corpo al professor Alfredo Salafia, che attraverso una tecnica effettivamente efficace, riuscì a rendere immortale il corpo di colei che sembra una piccola bambina dormiente.

Dietro a questi corpi, in generale tutte queste mummie, c’è una lunga storia. Una sfida che parte da tempi lontanissimi, il tentativo di conservare il corpo a tutti i costi, anche oltre la morte stessa.

LEGGI ANCHE:

CONTENUTI IN EVIDENZA

I NOSTRI EVENTI BEST SELLER

Translate »
0
    0
    Il tuo carrello
    Your cart is emptyReturn to Shop
    Torna in alto