TRA LE NOSTRE ESPERIENZE


NEL CALENDARIO DEI NOSTRI EVENTI CULTURALI:

visite serali ai monumenti, tramonti, itinerari a piedi, cantine storiche, panorami
aperture straordinarie, aperitivi esclusivi e gite in Sicilia

Le aperture straordinarie si svolgono durante il week end
È possibile prenotare visite e tour in date extra calendario, durante tutta la settimana, per gruppi privati su prenotazione
Informazioni:  3207672134  – 3928888953– eventi@terradamare.org

Per ricevere promemoria via email sui prossimi appuntamenti, è possibile iscriversi alla newsletter settimanale QUI

FEBBRAIO 2024

Palazzo Lanza Tomasi palermo

Nella Casa Museo che conserva il manoscritto del Gattopardo, sarà possibile visitare il piano nobile del Palazzo, sorto sulle mura delle Cattive, affacciato sul lungomare di Palermo con le sue 12 finestre e la terrazza panoramica; la biblioteca storica dello scrittore e i tanti saloni del palazzo, come la Sala da ballo dove è conservato il manoscritto completo del Gattopardo

Palazzo Lanza Tomasi
via Butera 28, Palermo

_CALENDARIO:
.sabato 24 febbraio 2024 ore 10 e ore 12
.sabato 16 marzo 2024 ore 10 e ore 12
.sabato 20 aprile 2024 ore 10 e ore 12

Per partecipare alle visite è necessario acquistare i ticket in anticipo

Ticket: € 40
Infoline: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

Palazzo Lanza Tomasi di Lampedusa
La kalsa, uno dei quartieri più antichi della città, è caratterizzato dalla presenza di chiese, piazze scenografiche, le opere di street art, interventi di arte contemporanea, le strette vie che custodiscono gioielli architettonici di varie epoche. Tra questi vi è un luogo che abbatte, in un certo senso, le mura dell’edificio stesso, per l’importanza dell’opera letteraria in esso custodita: Palazzo Lanza Tomasi di Lampedusa.

Il palazzo è stato l’ultima dimora del Principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa, il celebre autore del Gattopardo, che venne ad abitarvi nel 1949, trasferendosi dal palazzo Lampedusa, distrutto completamente dalle bombe. La storia del palazzo inizia dal cinquecento, subendo nel corso dei secoli diverse trasformazioni, e acquistato nel 1849 dal Principe Giulio Fabrizio di Lampedusa, astronomo dilettante, che diverrà il modello per il protagonista del celebre romanzo, il principe Fabrizio di Salina, scritto dal pronipote.

Gioacchino Lanza Tomasi, ha riunificato l’intera proprietà e compiuto un completo restauro dell’edificio. Una casa museo che affascina per il gioco di luci e ombre, tra i vari spazi del piano nobile, grazie alla sua posizione alle dodici finestre della facciata e alla lussureggiante terrazza.

Sarà possibile visitare la biblioteca storica dello scrittore, mentre, nella sala da ballo, è conservato il manoscritto completo del Gattopardo. 

L’arredamento e i manufatti custoditi a Palazzo Lanza sono collegati con la storia di questa celebre famiglia, come, per esempio, mobili e quadri provenienti dal distrutto Palazzo Lampedusa e dal palazzo di Santa Margherita di Belice, la residenza estiva dei Filangeri di Cutò, la famiglia materna dello scrittore o provenienti da Palazzo Lanza di Mazzarino. Inoltre, si può ammirare uno splendido tavolo in marmo intagliato della metà del Cinquecento, originariamente nella Villa Palagonia, due rari cassettoni siciliani in ebano e avorio del primo Settecento. Il salone centrale presenta una caratteristica volta affrescata con riquadri orientalistici, con scene da un harem, tipici della fine dell’Ottocento ed una eccezionale collezione di ventagli francesi di epoca Louis XVI.

Passeggiando fra le barrique delle Cantine Duca di Salaparuta, alla scoperta della storia di una delle cantine più antiche della Sicilia nata nel 1824 per opera di Giuseppe Alliata Principe di Villafranca e Duca di Salaparuta.
Si visiteranno le bottaie in cui maturano i vini Duca e Corvo, l’innovativa sala di degustazione e la seducente struttura dell’Enoteca.
Durante la degustazione, si assaggeranno tre vini rappresentativi di questa realtà vitivinicola: un bianco, ‘Sentiero del vento’, un rosso, ‘Passo delle mule’, e un liquoroso. ‘Ala’, accompagnati da 3 piccoli abbinamenti gastronomici

Cantine Duca di Salaparuta, Via Nazionale s.s. 113, 27, Casteldaccia PA

_CALENDARIO
.domenica 25 febbraio 2024 ore 11:30

_DURATA ESPERIENZA: 1 ora e mezza circa
_COSTO: 
adulti € 20 (tour e degustazione)  ridotto 5/17 anni € 5 (solo tour)
_INFO: 347.894.8459 – 320.7672134 www.terradamare.org/infoline

La visita guidata all’interno delle Cantine Duca di Salaparuta di Casteldaccia (PA) conduce i visitatori alla scoperta dei più moderni metodi di vinificazione e affinamento. Un percorso che, attraverso le bottaie in cui maturano i vini Duca di Salaparuta e Corvo, li porta a scoprire la storia di un’Azienda nata nel 1824 e di come le più avanzate tecnologie vengano messe al servizio della naturalità del prodotto. Il profondo legame con il territorio e il grande amore per il design del vino accolgono l’ospite all’interno delle Cantine, nell’innovativa Sala di degustazione e nella seducente struttura dell’Enoteca, per un tour in cui il rigore moderno dell’architettura si coniuga ad una tradizione centenaria e al calore del territorio.

Le visite alle Cantine Duca di Salaparuta fanno parte dell’offerta enoturistica Terradamare. Un percorso che conduce tra le cantine storiche più importanti della Sicilia, ma anche tra i vicoli di Palermo, alla scoperta di racconti, luoghi emblematici e la storia delle grandi famiglie del vino siciliano

Un viaggio nella storia, in una terra antica e sconosciuta ma affascinante ed emozionante, ricostruita grazie a quest’inestimabile collezione.

Museo Geologico Gemmellaro
Corso Tukory, 131 – Palermo. Ticket € 7 (bimbi 5/10 anni €5)

CALENDARIO:
.domenica 25 febbraio 2024
.domenica 17 marzo 2024
Turni disponibili:  16 – 17 – 18:15 – 19:15

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

Visite assistite al museo Gaetano Giorgio Gemmellaro. Un prezioso scrigno che illustra la storia geologica della Sicilia, custodisce le testimonianze della prima presenza umana in Sicilia e in particolare i resti fossili di “Thea”, inoltre, nella sala degli elefanti numerosi reperti relativi agli elefanti nani che popolarono la Sicilia durante il Pleistocene medio-superiore.
Il patrimonio del Museo è costituito da oltre 600.000 reperti suddivisi in numerose collezioni, con fossili che abbracciano un intervallo di tempo di oltre 270 milioni di anni di storia geologica e paleontologica siciliana. La superficie espositiva si articola su tre piani secondo un percorso guidato.

Un viaggio nella storia, in una terra antica e sconosciuta ma affascinante ed emozionante, ricostruita grazie a quest’inestimabile collezione.

MARZO 2024

Visite alla Camera delle Meraviglie, “una stanza unica al mondo”

Camera delle Meraviglie
via Porta di Castro 239, Palermo

_CALENDARIO:
.sabato 2 marzo 2024 ore 10 – 1040 – 11:20 – 12 – 12:40
.sabato 16 marzo 2024 ore 16 – 16:40 – 17:20 – 18 – 18:40 – 19:20
Per partecipare alle visite è necessario acquistare i ticket in anticipo

Ticket: € 10 (bimbi 5/10 anni €5)
Infoline: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

 

La Camera delle Meraviglie, fra realismo e sogno, riapre al pubblico dopo 5 annu. Uno spazio nascosto tra le strade dell’Albergheria. Gli infiniti fili che legano la Sicilia al mondo musulmano, sembrano in questa stanza snodarsi.
Tra le tesi più accreditate, ma ancora in fase di possibili evoluzioni, in previsione dei futuri lavori di restauratori e studiosi, la stanza sembra essere un luogo di meditazione, di impatto fortemente emotivo e spirituale.
Difatti, il blu avvolge l’astante, le sue dimensioni, la bellezza delle volute calligrafiche, che hanno affascinato diversi critici, tra cui anche Vittorio Sgarbi, rendono la stanza unica al mondo.
Una visita in cui verranno raccontate le fasi del suo fortunato ritrovamento, la storia del palazzo e il suo collegamento con le evoluzioni urbanistiche della città, fino a quando la magia non ha preso forma ed è oggi tornata a Palermo.

Infoline: 320.7672134 – 347.8948459 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

LE APERTURE SERALI ALLA VILLA DEI MOSTRI DI BAGHERIA

Villa Palagonia Piazza Garibaldi, 3 – Bagheria (PA)
TICKET: € 7 (bimbi 5/10 anni € 3)

_CALENDARIO:
.sabato 2 marzo 2024
.sabato 23 marzo 2024
.sabato 13 aprile 2024

Turni disponibili: ore 17:20 – 18 – 18:40 – 19:20 – 20 – 20:40 – 21:20
Durata visita: 40 minuti circa

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 3928888953
 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Visite serali alla splendida dimora nobiliare voluta dal Principe di Palagonia, conosciuta come la “Villa dei Mostri” per le misteriose statue di cui è circondata.

Come in un percorso iniziatico, si ammireranno, tra le tante meraviglie: lo scalone monumentale a doppia rampa in marmo di Billiemi, l’enigmatica “Sala degli Specchi” con il suo gioco di sovrapposizioni tra magia e realtà, gli affreschi settecenteschi raffiguranti le Fatiche di Ercole, i “mostri” che circondano la villa e altre sale visitabili per l’occasione.
Si aggiungono infatti alle visite: la sala neoclassica, la sala dei ritratti, con i maggiori rappresentanti dei principi Gravina Palagonia, l’alcova caratterizzata da raffigurazioni orientali e la sala cinese, in cui si svolge un’imponente processione di personaggi, secondo la moda dell’epoca.

La Belle époque palermitana dei Florio
Dalla celebre ex fabbrica di mobili Liberty, a due degli edifici progettati da Ernesto Basile. Quando la grandezza dei Florio, nella Belle époque palermitana, rese la Sicilia centro d’Europa

CALENDARIO:
domenica 3 marzo 2024 ore 10

Ticket € 15 (bimbi 5/10 anni €10)

Appuntamento:
Percorso: Ex Capannoni Ducrot (oggi Cantieri Culturali della Zisa),
Villino Florio (inclusa visita), Villino Ida Basile (tappa esterna)

Durata circa 3 ore – costo € 15 (bimbi 5/10 anni €10)

Per partecipare all’evento è necessario acquistare i ticket in anticipo

Dalla celebre ex fabbrica di mobili liberty, a due degli edifici progettati da Ernesto Basile. Quando la grandezza dei Florio, nella Belle époque palermitana, rese la Sicilia centro d’Europa
Il nostro percorso inizierà da una lettura sulle rivoluzioni dei Cantieri culturali alla Zisa, dove venne costruita, alle spalle del celebre Castello della Zisa, una struttura per ospitare 23 capannoni industriali per la prestigiosa ditta Ducrot, produttrice di mobili Liberty. Al suo interno, venivano realizzati i mobili liberty tra i più belli d’Europa, disegnati da Ernesto Basile.
L’ascesa della ditta è da collegare, sicuramente, anche dai buoni rapporti con la famiglia Florio, personaggi che hanno reso immensa la Sicilia sia da un punto di vista artistico ma anche economico

Escursione nel sottosuolo di Palermo, Le Muchate Arabe.
Visita alle antiche cave sotterranee più estese della città.

via Ammiraglio Rizzo Palermo
(Posti limitati, si consiglia di prenotare qualche giorno prima dell’evento)
Costo € 15.00 include noleggio di caschetto con illuminazione e servizio guida.

CALENDARIO:

.sabato 9 marzo 2024 ore 9:30 e ore 11:30
.sabato 13 aprile 2024 ore 9:30 e ore 11:30

Insieme a Terradamare e le guide di GreenSicily Outdoor, si esploreranno le Muchate Arabe  situate in zona Fiera del Mediterraneo, cava su tre livelli, che ha continuato la sua attività fino agli anni ’30 del secolo scorso, trasformata in “fungaia”.

Un viaggio nel centro della terra Palermitana, durante il quale si percorreranno alcune gallerie e si approfondiranno le tecniche di scavo dai quali veniva estratto il materiale che costituisce buona parte del materiale utilizzato per monumenti, chiese e case storiche di Palermo, la calcarenite pleistocenica, su cui poggia la Piana di Palermo.

Apertura straordinaria della palazzina Liberty dell’Arenella
Visite serali all’ultima dimora dei Florio, la famiglia che rese grande Palermo

Casa Florio
Palazzina dei Quattro Pizzi all’Arenella, Discesa Tonnara, 4b – Palermo

_CALENDARIO:
.sabato 9 marzo 2024
.domenica 24 marzo 2024

_TURNI DI VISITA: ore  16 – 17 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22
_DURATA VISITA
: 45 minuti circa
_TICKET: € 8 (bimbi 5/10 anni €4) .

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 3928888953

nsieme a Terradamare e la famiglia Paladino Florio, dalle 17, si assisterà e alle visite alla Palazzina dei Quattro Pizzi.
Casa Florio, progettata dall’architetto Carlo Giachery in stile neo-gotico, addolcito dalla romantica scenografia del mare  palermitano, è l’ultima dimora di Vincenzo Florio III.
Le visite si svolgeranno all’interno del salone di rappresentanza, in cui è presente un piccolo museo con affascinanti cimeli appartenuti alla famiglia che rese grande Palermo, gli affreschi in stile revivalistico realizzati dai pittori Salvatore Gregorietti e da Emilio Murdolo, Maestro di Renato Guttuso 

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Sarà possibile ammirare la dimora storica tra le più rappresentative dell’epoca degli inglesi a Palermo. Poco distante dal villino Florio all’Olivuzza, nell’elegante via Dante, asse rappresentativo dello splendido periodo artistico che è stato il Liberty a Palermo.

Villa Malfitano Whitaker
via Dante 167 (Palermo)

_CALENDARIO:
.domenica 10 marzo 2024 dalle 10 alle 19:30
.sabato 30 marzo 2024 dalle 10 alle 19:30

Turni disponibili: ore: 10 – 11:30 – 12:15 – 15 – 16.30 – 18
Ticket: € 10 (bimbi 5/10 anni €6)

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

Legata alla storia di famiglia è sicuramente Villa Malfitano Whitaker, architettura della belle epoque, realizzata da Ignazio Greco.
Il gusto classicheggiante dell’esterno, non lascia presagire l’eclettismo degli spazi interni, frutto della storia di famiglia, dei viaggi e delle passioni di Pip Whitaker, che oggi, ci permettono di mostrare una raccolta di elementi eterogenei, preziosi e introvabili.
Il percorso inizia da una poderosa galleria, con eccezionali oggetti, come per esempio,  due elefanti provenienti dal palazzo reale di Pechino o tele del noto pittore Lo iacono, continua con degli splendidi arazzi fiamminghi con le storie di Enea, immagini meravigliose databili intorno al 1565.
Le successive sale, ci mostrano, ancora, collezioni di porcellane, ventagli e ricordi di famiglia, ma l’opera pittorica che caratterizza le porte, gli elementi decorativi delle pareti e dei soffitti, crea degli ambienti vivaci e funzionali alla vita quotidiana della villa, dalla dolcezza di amore e psiche, alla sala d’estate di Ettore De Maria Bergler.
Quest’ultima, è un capolavoro del trompe l’oeil, attraverso il quale la sala si smaterializza e il giardino esterno quasi si prolunga all’interno della dimora stessa.
Ma, sotto la direzione di Rocco Lentini, lavorarono anche Enea, Valenti, Padovani, quindi, un cantiere con superlative personalità, artisti tra i più importanti dell’ottocento siciliano.

Un racconto lungo 100 anni, tra ventagli, maioliche, foto, cineserie, coralli, opere di artigianato di notevole livello, ma, soprattutto, la storia di Tina Scalia, Pip Whitaker e delle figlie Nora e Delia, amanti della musica, dell”archeologia, della botanica, dell’arte, in ogni sua forma.

Nella Casa Museo che conserva il manoscritto del Gattopardo, sarà possibile visitare il piano nobile del Palazzo, sorto sulle mura delle Cattive, affacciato sul lungomare di Palermo con le sue 12 finestre e la terrazza panoramica; la biblioteca storica dello scrittore e i tanti saloni del palazzo, come la Sala da ballo dove è conservato il manoscritto completo del Gattopardo

Palazzo Lanza Tomasi
via Butera 28, Palermo

_CALENDARIO:
.sabato 16 marzo 2024 ore 10 e ore 12
.sabato 20 aprile 2024 ore 10 e ore 12

Per partecipare alle visite è necessario acquistare i ticket in anticipo

Ticket: € 40
Infoline: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

Palazzo Lanza Tomasi di Lampedusa
La kalsa, uno dei quartieri più antichi della città, è caratterizzato dalla presenza di chiese, piazze scenografiche, le opere di street art, interventi di arte contemporanea, le strette vie che custodiscono gioielli architettonici di varie epoche. Tra questi vi è un luogo che abbatte, in un certo senso, le mura dell’edificio stesso, per l’importanza dell’opera letteraria in esso custodita: Palazzo Lanza Tomasi di Lampedusa.

Il palazzo è stato l’ultima dimora del Principe Giuseppe Tomasi di Lampedusa, il celebre autore del Gattopardo, che venne ad abitarvi nel 1949, trasferendosi dal palazzo Lampedusa, distrutto completamente dalle bombe. La storia del palazzo inizia dal cinquecento, subendo nel corso dei secoli diverse trasformazioni, e acquistato nel 1849 dal Principe Giulio Fabrizio di Lampedusa, astronomo dilettante, che diverrà il modello per il protagonista del celebre romanzo, il principe Fabrizio di Salina, scritto dal pronipote.

Gioacchino Lanza Tomasi, ha riunificato l’intera proprietà e compiuto un completo restauro dell’edificio. Una casa museo che affascina per il gioco di luci e ombre, tra i vari spazi del piano nobile, grazie alla sua posizione alle dodici finestre della facciata e alla lussureggiante terrazza.

Sarà possibile visitare la biblioteca storica dello scrittore, mentre, nella sala da ballo, è conservato il manoscritto completo del Gattopardo. 

L’arredamento e i manufatti custoditi a Palazzo Lanza sono collegati con la storia di questa celebre famiglia, come, per esempio, mobili e quadri provenienti dal distrutto Palazzo Lampedusa e dal palazzo di Santa Margherita di Belice, la residenza estiva dei Filangeri di Cutò, la famiglia materna dello scrittore o provenienti da Palazzo Lanza di Mazzarino. Inoltre, si può ammirare uno splendido tavolo in marmo intagliato della metà del Cinquecento, originariamente nella Villa Palagonia, due rari cassettoni siciliani in ebano e avorio del primo Settecento. Il salone centrale presenta una caratteristica volta affrescata con riquadri orientalistici, con scene da un harem, tipici della fine dell’Ottocento ed una eccezionale collezione di ventagli francesi di epoca Louis XVI.

Visite alla Camera delle Meraviglie, “una stanza unica al mondo”

Camera delle Meraviglie
via Porta di Castro 239, Palermo

_CALENDARIO:
.sabato 16 marzo 2024 ore 16 – 16:40 – 17:20 – 18 – 18:40 – 19:20
Per partecipare alle visite è necessario acquistare i ticket in anticipo

Ticket: € 10 (bimbi 5/10 anni €5)
Infoline: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

 

La Camera delle Meraviglie, fra realismo e sogno, riapre al pubblico dopo 5 annu. Uno spazio nascosto tra le strade dell’Albergheria. Gli infiniti fili che legano la Sicilia al mondo musulmano, sembrano in questa stanza snodarsi.
Tra le tesi più accreditate, ma ancora in fase di possibili evoluzioni, in previsione dei futuri lavori di restauratori e studiosi, la stanza sembra essere un luogo di meditazione, di impatto fortemente emotivo e spirituale.
Difatti, il blu avvolge l’astante, le sue dimensioni, la bellezza delle volute calligrafiche, che hanno affascinato diversi critici, tra cui anche Vittorio Sgarbi, rendono la stanza unica al mondo.
Una visita in cui verranno raccontate le fasi del suo fortunato ritrovamento, la storia del palazzo e il suo collegamento con le evoluzioni urbanistiche della città, fino a quando la magia non ha preso forma ed è oggi tornata a Palermo.

Infoline: 320.7672134 – 347.8948459 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

n tuffo nella tradizione enologica marsalese, attraverso la visita di una delle più antiche case vinicole di Sicilia, che ha fatto grande la fama del vino Marsala, dove si gusterà il prodotto che ha fatto la storia dell’enologia siciliana che dalle cantine Florio rese questo vino liquoroso porta bandiera della Sicilia nel mondo.
Si visiterà l’interno delle storiche cantine e, al termine del tour, si degusteranno: il Vino Florio, un Marsala Florio Vergine Riserva della linea New Geography e un Marsala Florio Superiore Riserva semisecco, accompagnati da 3 piccoli abbinamenti gastronomici

Cantine Florio, via Vincenzo Florio 1, 91025, Marsala (TP)

_CALENDARIO
.domenica 17 marzo 2024 ore 11.30
(per ricevere promemoria via email iscrivi alla newsletter QUI)

_DURATA ESPERIENZA: 1 ora e mezza circa
_COSTO: 
adulti € 20 (tour e degustazione)  ridotto 5/17 anni € 5 (solo tour)
_INFO: 347.894.8459 – 320.7672134 www.terradamare.org/infoline

La visita guidata all’interno delle Cantine Florio è un viaggio che inizia davanti ai maestosi tini giganti, costruiti alla fine dell’800 e ancora utilizzati per l’affinamento del marsala, e prosegue all’interno delle 3 affascinanti bottaie, lunghe 165 metri e intervallate da ben 104 arcate, sotto cui si allineano 1.400 caratelli e circa 600 fra botti e tini di diversa capacità in cui vengono custoditi, nel silenzio e nella calma immobilità, circa 5.500.000 litri di marsala. Dopo un tour di trenta minuti attraverso le bottaie, dove è stato ripristinato l’antico pavimento in battuto di tufo, si accede alle avanguardistiche Sale di degustazione Donna Franca e Duca Enrico. Qui i visitatori vengono accolti da spazi innovativi, in cui la degustazione dei vini Corvo, Duca di Salaparuta e Florio si trasforma in un’esperienza suggestiva grazie anche all’abbinamento con un’attenta selezione di tipicità gastronomiche.

Le visite alle Cantine Florio fanno parte dell’offerta enoturistica Terradamare. Un percorso che conduce tra le cantine storiche più importanti della Sicilia, ma anche tra i vicoli di Palermo, alla scoperta di racconti, luoghi emblematici e la storia delle grandi famiglie del vino siciliano

Un viaggio nella storia, in una terra antica e sconosciuta ma affascinante ed emozionante, ricostruita grazie a quest’inestimabile collezione.

Museo Geologico Gemmellaro
Corso Tukory, 131 – Palermo. Ticket € 7 (bimbi 5/10 anni €5)

CALENDARIO:
.domenica 17 marzo 2024
Turni disponibili:  16 – 17 – 18:15 – 19:15

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

Visite assistite al museo Gaetano Giorgio Gemmellaro. Un prezioso scrigno che illustra la storia geologica della Sicilia, custodisce le testimonianze della prima presenza umana in Sicilia e in particolare i resti fossili di “Thea”, inoltre, nella sala degli elefanti numerosi reperti relativi agli elefanti nani che popolarono la Sicilia durante il Pleistocene medio-superiore.
Il patrimonio del Museo è costituito da oltre 600.000 reperti suddivisi in numerose collezioni, con fossili che abbracciano un intervallo di tempo di oltre 270 milioni di anni di storia geologica e paleontologica siciliana. La superficie espositiva si articola su tre piani secondo un percorso guidato.

Un viaggio nella storia, in una terra antica e sconosciuta ma affascinante ed emozionante, ricostruita grazie a quest’inestimabile collezione.

LE APERTURE SERALI ALLA VILLA DEI MOSTRI DI BAGHERIA

Villa Palagonia Piazza Garibaldi, 3 – Bagheria (PA)
TICKET: € 7 (bimbi 5/10 anni € 3)

_CALENDARIO:
.sabato 23 marzo 2024
.sabato 13 aprile 2024

Turni disponibili: ore 17:20 – 18 – 18:40 – 19:20 – 20 – 20:40 – 21:20
Durata visita: 40 minuti circa

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 3928888953
 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Visite serali alla splendida dimora nobiliare voluta dal Principe di Palagonia, conosciuta come la “Villa dei Mostri” per le misteriose statue di cui è circondata.

Come in un percorso iniziatico, si ammireranno, tra le tante meraviglie: lo scalone monumentale a doppia rampa in marmo di Billiemi, l’enigmatica “Sala degli Specchi” con il suo gioco di sovrapposizioni tra magia e realtà, gli affreschi settecenteschi raffiguranti le Fatiche di Ercole, i “mostri” che circondano la villa e altre sale visitabili per l’occasione.
Si aggiungono infatti alle visite: la sala neoclassica, la sala dei ritratti, con i maggiori rappresentanti dei principi Gravina Palagonia, l’alcova caratterizzata da raffigurazioni orientali e la sala cinese, in cui si svolge un’imponente processione di personaggi, secondo la moda dell’epoca.

Apertura straordinaria della palazzina Liberty dell’Arenella
Visite serali all’ultima dimora dei Florio, la famiglia che rese grande Palermo

Casa Florio
Palazzina dei Quattro Pizzi all’Arenella, Discesa Tonnara, 4b – Palermo

_CALENDARIO:
.domenica 24 marzo 2024

_TURNI DI VISITA: ore  16 – 17 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22
_DURATA VISITA
: 45 minuti circa
_TICKET: € 8 (bimbi 5/10 anni €4) .

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 3928888953

nsieme a Terradamare e la famiglia Paladino Florio, dalle 17, si assisterà e alle visite alla Palazzina dei Quattro Pizzi.
Casa Florio, progettata dall’architetto Carlo Giachery in stile neo-gotico, addolcito dalla romantica scenografia del mare  palermitano, è l’ultima dimora di Vincenzo Florio III.
Le visite si svolgeranno all’interno del salone di rappresentanza, in cui è presente un piccolo museo con affascinanti cimeli appartenuti alla famiglia che rese grande Palermo, gli affreschi in stile revivalistico realizzati dai pittori Salvatore Gregorietti e da Emilio Murdolo, Maestro di Renato Guttuso 

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Il tour illustrerà il celebre cimitero di gallerie sotterrane dei Frati Cappuccini di Palermo
Un immenso patrimonio antropologico per la notevole quantità di informazioni che conserva, sulla società antica palermitana

Catacombe dei Cappuccini
piazza Cappuccini 1, Palermo

_CALENDARIO:
.domenica 24 marzo 2024 ore 10

Per partecipare alle visite è necessario acquistare i ticket in anticipo
Non adatto ai bambini 

Durata: 
due ore circa
Ticket:
 € 15 (include guida turistica, auricolari e ticket d’ingresso al sito)
Infoline: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

La morte, il legame con gli antenati, i riti e i simboli legati a essa, i molteplici sentimenti che tale avvenimento innesca, sono elementi che da sempre hanno coinvolto l’esistenza umana. 

Tali riflessioni divengono protagoniste delle Catacombe dei Cappuccini, un luogo in cui vi sono diversi resti mummificati, donne, uomini, bambini, che rappresenta, contestualmente, un immenso patrimonio antropologico per la notevole quantità di informazioni sulla società antica palermitana. 

Il convento dei Cappuccini fu costruito nel 1534 circa, alla fine del XVI secolo la comunità creò un ipogeo, scavando un cimitero di gallerie sotterranee di forma rettangolare e dando vita a questo particolarissimo tipo di sepoltura che inizialmente fu riservato solo ai religiosi. Il primo frate mummificato e ad essere esposto fu Silvestri Gubbio, morto il 16 Ottobre 1599.

Successivamente, la cripta viene ampliata per far posto alle costanti richieste e, assumendo, così, le attuali dimensioni, divenendo luogo emblematico e significativo per l’inumazione per la classe clericale, nobili e cittadini di alto status sociale e  a tutti coloro che fossero in grado di permettersi i costi delle pratiche di imbalsamazione.

pertura straordinaria serale di Palazzo Conte Federico
Una viaggio nella storia di Palermo: lo sfarzo nobiliare tra le mura primitive della città punica

Palazzo Conte Federico
Piazza Conte Federico 2 (Ballarò) Palermo

Ticket:
 €15 (bimbi 5/10 anni €8)

CALENDARIO:
.venerdì 29 marzo 2024

TURNI DISPONIBILI: ore 17 – 18 – 19 – 20

Prenotazione obbligatoria:
✆ 320.7672134 – 347.8948459  eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Apertura straordinaria serale di Palazzo Conte Federico: un vero e proprio viaggio nel tempo, in un luogo all’interno del quale si può rivivere la straordinaria successione di epoche della Palermo multiculturale: dall’età punica delle mura della città vecchia, il medioevo della Torre arabo normanna inglobata nel palazzo, fino ad arrivare al settecento degli affreschi di Vito D’Anna e Gaspare Serenario.

Durante le visite serali, a cura di Conte Alessandro Federico e dalla sua famiglia, che tutt’oggi abitano nel palazzo, si potranno ammirare anche: i numerosi saloni ancora arredati con mobili e quadri dell’epoca, i soffitti lignei del XV secolo, gli affreschi settecenteschi di Vito D’Anna e Gaspare Serenario, le porte dorate in oro zecchino e le varie collezioni di armi (spade, alabarde, fucili e pistole d’epoca) e ceramiche antiche  

♦ Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 347.8948459 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Sarà possibile ammirare la dimora storica tra le più rappresentative dell’epoca degli inglesi a Palermo. Poco distante dal villino Florio all’Olivuzza, nell’elegante via Dante, asse rappresentativo dello splendido periodo artistico che è stato il Liberty a Palermo.

Villa Malfitano Whitaker
via Dante 167 (Palermo)

_CALENDARIO:
.sabato 30 marzo 2024 dalle 10 alle 19:30

Turni disponibili: ore: 10 – 11:30 – 12:15 – 15 – 16.30 – 18
Ticket: € 10 (bimbi 5/10 anni €6)

Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 392.8888953 eventi@terradamare.org www.terradamare.org/infoline

Legata alla storia di famiglia è sicuramente Villa Malfitano Whitaker, architettura della belle epoque, realizzata da Ignazio Greco.
Il gusto classicheggiante dell’esterno, non lascia presagire l’eclettismo degli spazi interni, frutto della storia di famiglia, dei viaggi e delle passioni di Pip Whitaker, che oggi, ci permettono di mostrare una raccolta di elementi eterogenei, preziosi e introvabili.
Il percorso inizia da una poderosa galleria, con eccezionali oggetti, come per esempio,  due elefanti provenienti dal palazzo reale di Pechino o tele del noto pittore Lo iacono, continua con degli splendidi arazzi fiamminghi con le storie di Enea, immagini meravigliose databili intorno al 1565.
Le successive sale, ci mostrano, ancora, collezioni di porcellane, ventagli e ricordi di famiglia, ma l’opera pittorica che caratterizza le porte, gli elementi decorativi delle pareti e dei soffitti, crea degli ambienti vivaci e funzionali alla vita quotidiana della villa, dalla dolcezza di amore e psiche, alla sala d’estate di Ettore De Maria Bergler.
Quest’ultima, è un capolavoro del trompe l’oeil, attraverso il quale la sala si smaterializza e il giardino esterno quasi si prolunga all’interno della dimora stessa.
Ma, sotto la direzione di Rocco Lentini, lavorarono anche Enea, Valenti, Padovani, quindi, un cantiere con superlative personalità, artisti tra i più importanti dell’ottocento siciliano.

Un racconto lungo 100 anni, tra ventagli, maioliche, foto, cineserie, coralli, opere di artigianato di notevole livello, ma, soprattutto, la storia di Tina Scalia, Pip Whitaker e delle figlie Nora e Delia, amanti della musica, dell”archeologia, della botanica, dell’arte, in ogni sua forma.

TORNA PRESTO A CONSULTARE IL NOSTRO CALENDARIO DI APPUNTAMENTI CULTURALI.
LO AGGIORNIAMO COSTANTEMENTE!

INFO E PRENOTAZIONI:   320.7672134  | 392.8888953 – www.terradamare.org/infoline 

Translate »
0
    0
    Il tuo carrello
    Your cart is emptyReturn to Shop
    Torna in alto