i nostri eventi culturali

ESTATE A PALERMO: visite serali, spettacoli del fuoco, aperitivi e dinner, passeggiate culturali, escursioni naturalistiche, pranzi e degustazioni domenicali all'aperto.

• Informazioni:  3207672134  – 3928888953– eventi@terradamare.org 
• Per ricevere promemoria via email sui prossimi appuntamenti, è possibile iscriversi alla newsletter settimanale 

— Calendario eventi culturali a Palermo con noi

Settembre 2020

Il Panorama più bello di Palermo. Visite alla Torre medievale fino alla terrazza panoramica

Torre di San Nicolò | via Nunzio Nasi 18, Ballarò – Palermo
Ticket: €5 (5/10 anni €2)
DATE: tutti i giovedì dalle 16 alle 19. Turni disponibili: h 16 – 17 – 18
(le disponibilità potrebbero variare nel corso delle ore)
Acquisto saltafila eAcquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
320.7672134 – 347.8948459
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Torre di S. Nicolò di Bari all’Albergheria del XIII sec.
Attaccata alla chiesa sorge una slanciata costruzione quadrangolare con conci ben squadrati, si tratta della trecentesca torre civica facente parte del sistema difensivo della città. Fatta edificare dalla universitas palermitana per difendere le mura del “Cassaro”, non faceva parte delle strutture della chiesa ma risultava svincolata ed isolata. “Torre d’eccellenza”, forse la più alta di Palermo, perduto il significato di difesa, se ne volle ingentilire e perdere il suo austero aspetto,
applicandole al secondo livello delle bifore arricchite da una cornice d’intarsi.
La torre, articolata in quattro livelli, è stata edificata con pietrame a grossi conci, utilizzando massi tufacei squadrati, che le conferiscono una linea rigorosa e severa.
Sicuramente, tra gli elementi principali che caratterizzano la Torre, è il superbo paesaggio che è possibile ammirare dalla sua terrazza, da destra verso sinistra i monumenti del centro storico di Palermo: Cupola della Chiesa del Carmine Maggiore e Mercato di Ballarò, Cupola Chiesa del Gesù, cupola Chiesa di Santa Caterina D’Alessandria, cupola Chiesa di San Giuseppe dei Teatini, Castello Utvegio e monte Pellegrino, cupola Chiesa di Sant’Ignazio, Teatro Massimo, Cupola chiesa Santissimo Salvatore, cupola Chiesa di Santa Chiara, Liceo Benedetto Croce(ex Ospedale Fatebenefratelli), Palazzo Conte Federico, Palazzo Sclafani, Cattedrale, Porta Nuova, Palazzo Reale, Chiesa di San Giuseppe Cafasso, Chiesa di San Francesco Saverio.

Visite del complesso oratoriano fino alla sua grande terrazza, per ammirare dall’alto il parco lungo l’antico muro di confine e spettacolo del fuoco e delle stelle

Villa Filippina | piazza San Francesco di Paola, 18
Ticket: €10 (bambini 5/10 anni €5)
DATE: 25 settembre  2020. Ore 20

Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
✆ 320.7672134 – 3928888953
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Villa Filippina
I Filippini, congregazione religiosa giunta a Palermo alla fine del 1500, ebbero un impatto notevole nell’evoluzioni urbanistiche della città di Palermo.
Un ordine religioso caratterizzato, tra l’altro, dallo sviluppo di attività pastorali o assistenziali in luoghi aperti.

Il complesso oratoriano di Villa Filippina sorge nel 1755 per volere di Don Angelo Serio, portando un unicuum nella storia dell’architettura palermitana e nella tipologia dei giardini storici.
Sulla realizzazione del complesso, posto fuori da Porta Carini, non si hanno notizie certe, alcuni documenti indicano Giacomo D’Aragona, in altri casi, invece, viene indicato un certo Salvatore Ferrigno.
Ma, al suo interno, ancora insistono notevoli elementi artistici e architettonici, come gli affreschi di Vito D’anna con le storie dedicate alla vita di Gesù, la Cappella dedicata a San Filippo Neri, in cui vi sono affreschi realizzati da Antonio Manno con raffigurazioni legate a San Filippo Neri, le sculture e la fontana realizzata da Gioacchino Vitagliano.

Apertura straordinaria serale di Palazzo Conte Federico
Una notte nella storia di Palermo: lo sfarzo nobiliare tra le mura primitive della città punica

Palazzo Conte Federico | Piazza Conte Federico 2 (Ballarò) Palermo
Ticket: €10 (bimbi fino a 10 anni gratis)
DATE: 26 settembre 2020. Turni disponibili: uno ogni ora dalle 17 alle 22
Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria: ✆ 320.7672134 – 347.8948459
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

 
Apertura straordinaria serale di Palazzo Conte Federico: un vero e proprio viaggio nel tempo, in un luogo all’interno del quale si può rivivere la straordinaria successione di epoche della Palermo multiculturale: dall’età punica delle mura della città vecchia, il medioevo della Torre arabo normanna inglobata nel palazzo, fino ad arrivare al settecento degli affreschi di Vito D’Anna e Gaspare Serenario.

Durante le visite serali, a cura di Conte Alessandro Federico e dalla sua famiglia, che tutt’oggi abitano nel palazzo, si potranno ammirare anche: i numerosi saloni ancora arredati con mobili e quadri dell’epoca, i soffitti lignei del XV secolo, gli affreschi settecenteschi di Vito D’Anna e Gaspare Serenario, le porte dorate in oro zecchino e le varie collezioni di armi (spade, alabarde, fucili e pistole d’epoca) e ceramiche antiche

Itinerario tra le botteghe di Ballarò per conoscere chi lavora all’interno del Mercato Storico e le loro storie e degustare i loro prodotti tipici

› Percorso: mercato di Ballarò, fabbrica di caramelle Carrubba Terranova; Alberto l’olivaro; Cannatella, bottega di frutta secca, spezie e dolci; da Gina, uno dei bar più antichi di Ballarò, Al fresco giardino/bistrot
sabato 26 settembre 2020 ore: 10 › Appuntamento: via nunzio nasi 18 (davanti la Torre di San Nicolò› Costo € 25 (degustazioni incluse) › durata circa 3 ore
Prenotazione obbligatoria: 320.7672134 –  347.8948459 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Mostreremo la lavorazione delle caramelle alla Carrubba, prodotte nel quartiere dal 1890 dalla famiglia Terranova, i ricordi di Alberto Napoli l’olivaro de Le Delizie a Tavola, che dal 1964 continua tra difficoltà e nostalgia, a vendere i suoi prodotti, della famiglia Cannatella che da 170 anni espone frutta secca, spezie e dolci, uno dei bar più antichi di Ballarò, l’Antica Caffetteria Di Maria da Gina, e “Al fresco” giardino-bostrot, ultimo tassello di uno spazio non solo dello scambio economico in senso stretto, ma ludico ed emozionale e di una storia sociale e umana totale.
Loro stessi racconteranno la storia delle loro famiglie, come vivono la città, le caratteristiche dei loro prodotti, mentre circondati dalle tende e dalle abbanniate del mercato.

Apertura straordinaria della palazzina Liberty dell’Arenella
Visite serali all’ultima dimora dei Florio, la famiglia che rese grande Palermo

Casa Florio
Palazzina dei Quattro Pizzi all’Arenella, Discesa Tonnara, 4b – Palermo
Ticket € 7
_domenica 27 settembre _sabato 12 settembre (turni: ore 17 – 18 – 19 – 21 – 22)
(le disponibilità potrebbero variare nel corso delle ore)
Prenotazione o acquisto saltafila obbligatori:
 320.7672134 – 3928888953
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

CASA FLORIO
Il complesso della Tonnara dell’Arenella fù acquistato nel 1830 da Vincenzo Florio, che ne commissionò la trasformazione all’amico e collaboratore Architetto Carlo Giachery. Nacque così l’edificio denominato “I Quattro Pizzi “, palazzina quadrangolare neogotica, così chiamata per le quattro guglie che la sovrastano. Unico edificio neogotico, questo, costruito da Giachery, i cui interessi erano rivolti piuttosto a progetti funzionali di architettura industriale nonché allo studio di nuovi materiali.
L’inusuale progettazione richiama un Gotico inglese, addolcito da una romantica scenografia mediterranea. Allo stesso Giachery nel 1852 fu commissionato il mulino a vento per la macina del sommacco, sempre inserito nel complesso dell’Arenella, da cui si estraeva il tannino, allora oggetto di fiorente commercio in Sicilia. Una parte del complesso veniva adibita ad abitazione per i fine settimana e molte personalità illustri vi furono ospitate, non ultima la Zarina di Russia, durante il suo soggiorno a Palermo.
Quest’ultima se ne innamorò talmente da fare riprodurre fedelmente i ”Quattro Pizzi” a Snamenka, vicino a San Pietroburgo, sulle rive del golfo di Finlandia, nel parco della sua residenza estiva di Peterhof che, in memoria di Palermo, chiamò “Renella”. La costruzione è tuttora esistente. Finito il periodo aureo, Vincenzo Florio si ritirò nella Tonnara dell’Arenella con la sua famiglia, eleggendola a propria dimora. La Tonnara rimase in funzione sino ai primi del Novecento: essendo poi cambiata la rotta dei tonni, chiuse definitivamente l’attività di pesca. 

LA CAMERA DELLO SCIROCCO
“Il Giardino dove rinascono gli uomini”
Visita alla Camera dello Scirocco e passeggiata nella natura di Palermo.
Percorso naturalistico e antimafia all’interno della base scout Volpe Astuta
DATE: domenica 27 settembre 2020. Ore 10 e ore 11:30
Costo: € 7 (bimbi 5/10 anni €3)
🔴 Per partecipare all’evento è necessario acquistare i ticket in anticipo,
è possibile effettuare i pagamenti
✔️ tramite carta di credito in questa pagina
✔️ tramite bonifico intestato a “Terradamare soc. Coop. BANCA: Intesa San Paolo. IBAN: IT24R0306909606100000071361
✔️presso la Torre di San Nicolò, via Nunzio Nasi 18 tutti i giovedì dalle 16 alle 19)
INFO: ✆ 320.7672134 – 347.8948459
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Una domenica immersi nella narrazione della storia del parco a un centinaio di metri in linea d’aria dalla circonvallazione di Palermo, bene confiscato alla mafia; visita alla Camera dello Scirocco e all’agrumeto storico di Fondo Micciulla, ricco di aranci, mandarini, limoni e quasi secolari alberi di alloro.
Il suo racconto millenario, in questo uno spazio nascosto dal verde che avvolge la Camera – emblema di antichi sistemi di refrigeramento tra ingrottati e cunicoli – oggi è testimone di lotta alla legalità.
Evento in collaborazione fra base scout Volpe Astuta e la cooperativa Terradamare.

Visite guidate alla più grande collezione di maioliche al mondo: nella Casa Museo
Stanze al Genio nuovi spazi e il nuovo allestimento.

Casa Museo Stanze al Genio
. Via Garibaldi 11 – Palermo
Ticket: €9
DATE:
mercoledì 30 settembre ore 12
Prenotazione o acquisto saltafila obbligatorio:
 320.7672134 – 3928888953
 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline 

Museo delle Maioliche – Stanze al Genio ha sede all’interno di un abitazione privata.
I visitatori possono apprezzarne la pavimentazione in maiolica dipinta e gli affreschi di fine 1700-inizi 1800.Un immenso patrimonio nascosto di maioliche antiche, cui negli anni si sono aggiunti anche altre collezioni.

Le oltre 5.000 maioliche esposte, di provenienza napoletana e siciliana (fine del XVI secolo – inizi del XX secolo) sono distribuite nel piano nobile di Palazzo Torre Piraino, in cui si possono ammirare anche collezioni più ridotte di vecchi giocattoli, scatole di latta d’epoca, cancelleria, bottiglie d’inchiostro, etichette pubblicitarie della metà del XX secolo ed una nuova sezione di ceramica contemporanea.

OTTOBRE 2020

Il panorama più bello di Palermo. Visite alla Torre medievale di San Nicolò fino alla terrazza panoramica

Torre di San Nicolò
via Nunzio Nasi 18, Ballarò – Palermo
Ticket € 5 (bimbi 5/10 anni € 2)
DATE: venerdì 2 ottobre – venerdì 16 ottobre – giovedì 22 ottobre – sabato 31 ottobre
Turni disponibili: h17 – 17:45 – 18:30 – 19:15 – 20 – 20:45 – 21:30 – 22:15
Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
✆ 320.7672134 – 347.8948459
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Torre medievale di San Nicolò di Bari all’Albergheria
Sicuramente, tra gli elementi principali che caratterizzano la Torre, è il superbo paesaggio che è possibile ammirare dalla sua terrazza, da destra verso sinistra i monumenti del centro storico di Palermo: Cupola della Chiesa del Carmine Maggiore e Mercato di Ballarò, Cupola Chiesa del Gesù, cupola Chiesa di Santa Caterina D’Alessandria, cupola Chiesa di San Giuseppe dei Teatini, Castello Utvegio e monte Pellegrino, cupola Chiesa di Sant’Ignazio, Teatro Massimo, Cupola chiesa Santissimo Salvatore, cupola Chiesa di Santa Chiara, Liceo Benedetto Croce(ex Ospedale Fatebenefratelli), Palazzo Conte Federico, Palazzo Sclafani, Cattedrale, Porta Nuova, Palazzo Reale, Chiesa di San Giuseppe Cafasso, Chiesa di San Francesco Saverio. 

Apertura straordinaria serale del settecentesco palazzo nobiliare tra i Quattro Canti e la Cattedrale.

Palazzo Drago
via Vittorio Emanuele, 382 (Palermo)
DATE:  sabato 5 settembre – sabato 3 ottobre 2020. Ticket €10
Turni disponibili: ore 18 – 18:40 -19:20 – 20 – 20:40 – 21:20 – 22
(le disponibilità potrebbero variare nel corso delle ore)
Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
320.7672134 – 3928888953
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Tra le dimore nobiliari settecentesche più interessanti della città, custode di pregevoli opere d’arte e di storiche stratificazioni.
Infatti, pur appartenendo dal 1714 a Casimiro Drago, presidente del Concistoro, per la sua posizione, l’antico asse di Corso Vittorio Emanuele e la presenza del pozzo arabo palesano le numerose trasformazioni subite dall’edificio.
Nel XIX secolo, quando diviene di proprietà dei Marchesi Airoldi di Santa Colomba, il palazzo viene nuovamente riformulato, secondo i gusti artistici più in voga del tempo, passando dal barocco ad un gusto eclettico-classicheggiante.
Salendo, ci si lascia trasportare dalla magnificenza dei saloni, distribuiti ad enfilade, sia per gli splendidi affreschi, che per gli arredi, esempi pregevoli degli usi della nobiltà siciliana.
Al suo interno sono presenti opere di Olivio Sozzi, tra i più noti artisti della città, che assorbirà nella sua poetica la lezione del classicismo romano, si cimenterà in un’eccezionale opera dal gusto profano in cui raffigurerà Zeus che dà a Hermes una mela d’oro destinata a Paride.
In un’altra sala, quello che probabilmente, viste le dimensioni era il salone principale, sono presenti tre dipinti di Francesco LoJacono, il pittore che esplorò nelle sue opere la gioia e i colori e la luce della natura e dei paesaggi.
Il liberty di Ettore De Maria Bergler sarà protagonista di una sala, dove nella volta, tra mezze lune dai toni caldi, vi si affaccia un’umanità briosa e variegata composta da cantori, giovani donne e fanciulli
Come in un libro, con diversi protagonisti, Palazzo Drago dispiega la leggiadria dei cieli settecenteschi, la magnificenza dei decori baroccheggianti, l’intensità dei colori della seconda metà del 1800 nella Palermo felicissima che i grandi viaggiatori hanno ammirato.

Apertura straordinaria serale e concerto presso la Chiesa del Carmine Maggiore
Concerto e visite serali alla chiesa serpottiana

Domenica 4 ottobre ore 19
Chiesa del Carmine Maggiore | Piazza Carmine 1 – Palermo
Visita serale e concerto dal repertorio classico e popolare. Costo € 8 (bambini fino a 10 anni €3)

 Prenotazione o acquisto saltafila obbligatorio
✆ 320.7672134 – 347.8948459
 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

 

CHIESA DEL CARMINE MAGGIORE
Attraversando il mercato si giunge a piazza Carmine, un grande allargamento irregolare, dominato dal grande cupolone simbolo della sfarzosa chiesa barocca e dall’annesso convento della chiesa del Carmine Maggiore. La cupola è la più bella in assoluto a Palermo, visibile da ogni parte della città antica si impone allo sguardo dello spettatore.
Al suo interno la chiesa conserva pregevoli manufatti artistici che vanno dal XV al XIX secolo, tra cui un quadro del Novellli e Tommaso De Vigilia. Particolarmente affascinanti sono le colonne tortili realizzate nel 1683 da Giacomo e Giuseppe Serpotta, che traggono ispirazione dal ben noto baldacchino del Bernini. La maestria e grazia dei Serpotta si concretizza in un manto dorato con motivi decorativi, in cui, in un microscopico meraviglioso universo, vengono raccontate scene della Vergine e di Cristo.

Si inaugura, con una speciale giornata di visite, la collaborazione tra la cooperativa Terradamare e la storica fabbrica Caramelle Terranova, con il nuovo percorso di visite agli spazi espositivi rinnovati nei mesi recenti. Primo di una serie di appuntamenti con la tradizione artigianale della storica fabbrica di dolciumi di Ballarò.
Le visite saranno condotte da Giacomo Terranova che racconterà, oltre alla fabbricazione delle celebri caramelle carruba inventate dal suo avo, la produzione di tutte le caramelle Terranova, lavorate ancora oggi artigianalmente, e i dolciumi tipici della tradizione siciliana che la fabbrica commercializza, trasmettendo in tutta Italia e all’estero il legame con le tradizioni della città e di tutta la Sicilia. 
Alla fine del percorso di visita: degustazione dei prodotti Terranova.

 

La Fabbrica Terranova Caramelle si trova a Ballarò (Palermo) all’interno di un Palazzo storico edificato intorno al 1400.
I locali nel tempo sono stati ristrutturati secondo le normative vigenti, ma restano di pregevole interesse storico: le due arcate d’ingresso, alcuni strumenti utilizzati ancora per la produzione e un angolo-museo che espone arnesi fine dell’Ottocento, stampi, polsonetti (paioli in rame), vecchie etichette e incarti, bassine (grandi pentole in uso negli anni 50 per la confettatura).
L’azienda, attiva da 130 anni produce eccellenti caramelle, entrando a pieno titolo nell’autentica tradizione siciliana

Visite serali alla splendida dimora nobiliare voluta dal Principe di Palagonia, conosciuta come la “Villa dei Mostri” per le misteriose statue di cui è circondata. 

Villa Palagonia Piazza Garibaldi, 3 – Bagheria (PA)
Ticket: € 7. DATE:
sabato 10 ottobre dalle 18 alle 23
mercoledì 21 ottobre turni delle 18 e delle 19
venerdì 30 ottobre dalle 18 alle 23

Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
✆ 320.7672134 – 3928888953
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

La storia di Villa Palagonia si inserisce su più livelli di narrazione, conosciuta come splendida dimora nobiliare, costruita a partire dal 1715 per conto di Ferdinando Francesco I Gravina Cruyllas, principe di Palagonia, ad opera dell’architetto Tommaso Maria Napoli e, altrettanto celebre, per le storie connesse alle misteriose statue raffiguranti figure mostruose che circondano la villa.
Quest’ultima aggiunta, cosi suggestiva ed emblematica, causa della denominazione della villa come Villa dei mostri, si deve all’omonimo nipote Ferdinando Francesco II, detto Il negromante.
Ma al di lá dell’alone di mistero, resta eccezionale il patrimonio artistico della dimora bagherese. 
Difatti, dall’impressionante facciata principale, animata da uno scenografico scalone a doppia rampa, si giunge al piano nobile.

Il panorama più bello di Palermo. Visite alla Torre medievale di San Nicolò fino alla terrazza panoramica

Torre di San Nicolò
via Nunzio Nasi 18, Ballarò – Palermo
Ticket € 5 (bimbi 5/10 anni € 2)
DATE: venerdì 16 ottobre – giovedì 22 ottobre – sabato 31 ottobre
Turni disponibili: h17 – 17:45 – 18:30 – 19:15 – 20 – 20:45 – 21:30 – 22:15
Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
✆ 320.7672134 – 347.8948459
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Torre medievale di San Nicolò di Bari all’Albergheria
Sicuramente, tra gli elementi principali che caratterizzano la Torre, è il superbo paesaggio che è possibile ammirare dalla sua terrazza, da destra verso sinistra i monumenti del centro storico di Palermo: Cupola della Chiesa del Carmine Maggiore e Mercato di Ballarò, Cupola Chiesa del Gesù, cupola Chiesa di Santa Caterina D’Alessandria, cupola Chiesa di San Giuseppe dei Teatini, Castello Utvegio e monte Pellegrino, cupola Chiesa di Sant’Ignazio, Teatro Massimo, Cupola chiesa Santissimo Salvatore, cupola Chiesa di Santa Chiara, Liceo Benedetto Croce(ex Ospedale Fatebenefratelli), Palazzo Conte Federico, Palazzo Sclafani, Cattedrale, Porta Nuova, Palazzo Reale, Chiesa di San Giuseppe Cafasso, Chiesa di San Francesco Saverio. 

Apertura straordinaria serale del settecentesco palazzo nobiliare tra i Quattro Canti e la Cattedrale.

Palazzo Drago
via Vittorio Emanuele, 382 (Palermo)
DATE sabato 17 ottobre 2020. Ticket €10
Turni disponibili: ore 10
Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria:
320.7672134 – 3928888953
📧 eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline

Tra le dimore nobiliari settecentesche più interessanti della città, custode di pregevoli opere d’arte e di storiche stratificazioni.
Infatti, pur appartenendo dal 1714 a Casimiro Drago, presidente del Concistoro, per la sua posizione, l’antico asse di Corso Vittorio Emanuele e la presenza del pozzo arabo palesano le numerose trasformazioni subite dall’edificio.
Nel XIX secolo, quando diviene di proprietà dei Marchesi Airoldi di Santa Colomba, il palazzo viene nuovamente riformulato, secondo i gusti artistici più in voga del tempo, passando dal barocco ad un gusto eclettico-classicheggiante.
Salendo, ci si lascia trasportare dalla magnificenza dei saloni, distribuiti ad enfilade, sia per gli splendidi affreschi, che per gli arredi, esempi pregevoli degli usi della nobiltà siciliana.
Al suo interno sono presenti opere di Olivio Sozzi, tra i più noti artisti della città, che assorbirà nella sua poetica la lezione del classicismo romano, si cimenterà in un’eccezionale opera dal gusto profano in cui raffigurerà Zeus che dà a Hermes una mela d’oro destinata a Paride.
In un’altra sala, quello che probabilmente, viste le dimensioni era il salone principale, sono presenti tre dipinti di Francesco LoJacono, il pittore che esplorò nelle sue opere la gioia e i colori e la luce della natura e dei paesaggi.
Il liberty di Ettore De Maria Bergler sarà protagonista di una sala, dove nella volta, tra mezze lune dai toni caldi, vi si affaccia un’umanità briosa e variegata composta da cantori, giovani donne e fanciulli
Come in un libro, con diversi protagonisti, Palazzo Drago dispiega la leggiadria dei cieli settecenteschi, la magnificenza dei decori baroccheggianti, l’intensità dei colori della seconda metà del 1800 nella Palermo felicissima che i grandi viaggiatori hanno ammirato.

Apertura straordinaria serale e visite alla Villa liberty di via Dante. Opera tra le più raffinate del tempo in cui lo sviluppo economico
e culturale dei Florio dava origine alla Belle Époque palermitana


Villa Virginia| 
Via Dante 159, Palermo
Visita serale. Costo € 10 (bambini fino a 10 anni €5)
DATE: venerdì 18 settembre | sabato 17 ottobre| Turni disponibili:  17 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22

Grazie a un mirabile progetto di restituzione alla città, apre alle visite guidate Villa Virginia, dimora liberty tra le più raffinate del tempo dei Florio e della Belle Époque palermitana.
Insieme alla cooperativa turistica Terradamare sarà possibile ammirarne gli arredi dell’epoca, i saloni di rappresentanza, il grandioso scalone, le vetrate policrome, le sale da gioco e da pranzo, le delicate pareti dipinte dalla pittrice giapponese Kiyohara, le due torrette che dominano via Dante, usate dai primi padroni di casa per la pittura e la fotografia all’interno della Villa, oggi dimora di lusso e punto di riferimento per l’accoglienza nazionale ed internazionale.

INFO E PRENOTAZIONI:   320.7672134  | 392.8888953 – www.terradamare.org/infoline 

0
Torna su